Vita scolastica

L'Istituto Cellini di Firenze capofila Progetto Meccano - Alternanza Scuola-Lavoro

pastore copiaIl 13 febbraio 2020, presso l'Aula Pastore del nostro Istituto si è svolto l'evento conclusivo del progetto Meccano a cui hanno partecipato gli istituti Cellini Tornabuoni, Leonardo Da Vinci e Gobetti Volta di Firenze.  Gli obiettivi del progetto sono quelli di rafforzare il raccordo tra il mondo dell’istruzione e formazione con quello del lavoro, per promuovere e finanziare una serie di azioni al fine di creare un modello condiviso. Il modello dovrebbe facilitare il rapporto tra istituzioni scolastiche e organizzazioni per la realizzazione dei percorsi di alternanza, al fine di  consentire agli studenti di sviluppare competenze e abilità utili al loro ingresso nel mondo del lavoro e contemporaneamente consentire alle imprese del territorio la presentazione delle loro aspettative in termini di formazione attesa per gli addetti che si propongono di occupare nel prossimo futuro. I partner del progetto, su bando della Regione Toscana, sono stati:  Cellini Tornabuoni (Capofila),  Istituto Statale Istruzione Superiore Leonardo Da Vinci (partner),. Istituto Statale Istruzione Superiore Gobetti Volta (partner), Cosefi (agenzia Formativa) (partner), Knorr- Bremse (partner), ITS PRIME (partner),  Comune di Lastra a Signa (partner), Comune di Firenze (partner).

Gli alunni delle classi quinte dell'Istituto Cellini di Firenze al Salone dello Studente.

salone pisaCome migliorare la propria formazione dopo le superiori? Quale percorso di studio intraprendere per realizzare le proprie aspirazioni e attitudini? Come affrontare meglio i cambiamenti del mondo del lavoro e garantirsi una partecipazione attiva, responsabile e di soddisfazione nella società dei prossimi anni ?

Gli alunni delle classi quinte hanno visitato il Salone dello studente presso il Palazzo dei Congressi di Pisa. La rassegna di Orientamento per la prosecuzione degli studi dopo il diploma, propone le principali opportunità di studio e le offerte formative delle Università della Toscana, degli ITS Toscana oltre agli Istituti, le Accademie e le Scuole di Moda, Design, Arti figurative,  Comunicazione e di Lingue straniere. (guarda il video sugli ITS)

L'Istituto Cellini di Firenze alla lezione-laboratorio "Una storia elettrizzante"

slide gabinetto di fisica 1 copia

Il tre febbraio,  la classe 2AT, accompagnati dai docenti Sarocchi, Di Filippo e Cortese, si è recata presso il Gabinetto di Fisica di Firenze per assistere ad una lezione laboratoriale dal titolo "Una storia elettrizzante" e successivamente visitare il Planetario di Firenze. L'attività rientra fra gli argomenti affrontati nel biennio con Scienze Integrate. Il Gabinetto di Fisica, per varietà e completezza, è oggi una raccolta unica nel suo genere, la testimonianza più viva e significativa delle Collezioni dell’Istituto Tecnico Toscano conservate al Museo della Fondazione Scienza e Tecnica. Nel corso della lezione il laboratorio ha presentato numerosi esperimenti e una  visita guidata al Gabinetto di Fisica: un viaggio nel mondo dell’elettrostatica, dagli eleganti salotti del 1700 alle aule scolastiche del 1800. Gli studenti sono stati protagonisti di divertenti esperimenti anche grazie all’utilizzo del più grande elettroforo mai costruito.

Gli studenti dell'Istituto Cellini di Firenze a Palazzo Strozzi

Goncharova1

Al rientro delle feste natalizie, la classe VL ha partecipato ad una visita guidata alla mostra su Natalia Goncharova. La rassegna, in corso a Palazzo Strozzi, è dedicata Natalia Goncharova, straordinaria figura femminile dell’arte del Novecento, ne ripercorre la vita controcorrente e la sua ricca e poliedrica produzione proveniente dalle collezioni russe, che viene messa a confronto con capolavori di più celebrati artisti come Paul Gauguin, Henri Matisse, Pablo Picasso e Umberto Boccioni. La mostra permette di scoprire la biografia anticonformista e provocatoria di una donna che ha saputo vivere per l’arte, creando un’originale fusione di tradizione e innovazione, Oriente e Occidente, e rendendo la propria opera un esempio unico di sperimentazione tra stili e generi artistici, dal Neoprimitivismo al Raggismo, dalla pittura e la grafica, ai lavori per il teatro. In particolare, Goncharova ha avuto una carriera di successo nella moda e nella creazione di costumi e scenografie teatrali, disegnando costumi per i Balletti Russi, in collaborazione con Sergej Djagilev,  direttore artistico degli spettacoli e dei balletti, ad esempio per la messa in scena di “The Golden Cockerel ”di Rimsky-Korsakov.

Rendicontazione sociale IS BENVENUTO CELLINI di FIRENZE

rendicontazione socialeL'Istituto Cellini di Firenze da conto di quanto raggiunto, dei processi attivati e dei risultati perseguiti evidenziando in primo luogo il raggiungimento delle “priorità” e dei “traguardi” che erano stati fissati nell’ambito della procedura di cui al D.P.R. n. 80/2013.

Nel documento, che potete scaricare e leggere cliccando sull'immagine qui accanto, l'Istituto presenta: contesto e risorse, i risultati raggiunti legati al RAV e i risultati legati alla progettualità dell'Istituto. Il tutto documentato e illustrato graficamente.

Il bisogno della rendicontazione sociale nella Pubblica Amministrazione, e dunque nella scuola, si fonda sulla cultura della trasparenza della Pubblica Amministrazione e sulla partecipazione  deil cittadini avviatosi a partire dagli anni ’90 con la Legge 241/1990 secondo la quale i provvedimenti amministrativi non devono rispondere solo all’adempimento puntuale della norma, ma anche e soprattutto alla cosiddetta “soddisfazione del cliente”, cioè alla realizzazione delle aspettative del cittadino.

L'Istituto Cellini, secondo classificato al premio Premio Maria Riboli, terza edizione del concorso di moda nazionale.

L'Istituto Cellini bergamodi Firenze ha vinto il secondo premio con l’assegnazione di una borsa di studio alla terza edizione del concorso di moda nazionale intitolato a  Maria RiboliIl premio è stato pensato per promuovere iniziative finalizzate a condannare la violenza e ad educare alla tolleranza e al rispetto anche attraverso l’espressione artistica che caratterizza la produzione di moda. Il bando, riservato a studenti che frequentano il 4° o 5° anno di un istituto di istruzione superiore del settore della moda in tutta Italia, prevede l’assegnazione di borse di studio. Il secondo classificato è stato Piero Chiari della classe V moda dell'Istituto Cellini di Firenze. Ma chi era  Maria Riboli ?  Anche lei un tempo studentessa a Bergamo all' Istituto Professionale: indirizzo Produzioni industriali e artigianali per il made in Italy – tessile, lavorava nel settore e mentre era in viaggio per lavoro in Bangladesh, nel 2016 è caduta vittima di un efferato atto di terrorismo assieme ad altre 20 persone.

ITALIA LOVES SICUREZZA

italia sicurezza Nella convinzione che la Scuola sia il luogo deputato per creare conoscenza e cultura e consapevoli che la battaglia contro gli incidenti, si combatte attraverso un cambiamento culturale, il movimento “Italia Loves Sicurezza” ha chiesto agli Insegnanti italiani di contribuire alla creazione di una cultura incentrata sulla prevenzione e sulla consapevolezza che amare la vita significhi vivere in sicurezza. Per questo l'Istituto Cellini di Firenze ha aderito all'iniziativa ed in particolare diversi suoi insegnanti hanno dedicato la prima ora di lezione di martedì 7 gennaio, giorno di ripresa delle attività scolastiche, ad affrontare in classe il tema dei comportamenti sulla strada (in quanto pedoni, scooteristi, ciclisti, …).

L'Istituto Cellini partecipa a “Cose per questo mondo. In viaggio per difendere il nostro pianeta”

CORSADEFINITIVOp Il 10 dicembre 2019 tra i 7000 studenti che da tutta la Toscana hanno riempito il Mandela Forum per la XXIII edizione del Meeting sui Diritti Umani, era presente anche un nutrito gruppo del Cellini Tornabuoni: le classi 4A, 4B, 4M, 5TE, 5TI, 5G, 5H, 5L 3N, 2L - oltre al gruppo della redazione del Celtor. Quest’anno la mattinata - dal titolo “Cose per questo mondo. In viaggio per difendere il nostro pianeta” - è stata rivolta alle tematiche legate all’ambiente e alla sostenibilità.  L'animazione musicale è stata affidata ai musicisti Diana Winter e Tommaso Novi, mentre la conduzione a Dj Carletto e Saverio Tommasi i quali hanno dedicato la giornata anche alla conduttrice recentemente scomparsa Nadia Toffa, per il suo impegno nella terra dei fuochi e a Taranto. Hanno aperto i lavori il presidente e la vicepresidente della Regione Enrico Rossi e  Monica Barni  i quali  hanno annunciato che dopo Natale la Regione presenterà un Progetto finalizzato a ridurre le emissioni di C02 lavorando sul risparmio energetico, sull’economia circolare e sulla geotermia. Sul palco si sono poi alternati scienziati e giovani ricercatori impegnati in progetti innovativi in materia di protezione ambientale.   Roberto Buizza fisico all'Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa ha parlato degli effetti del riscaldamento globale. Effetti che solo l'uomo può limitare, cambiando gli stili di vita, a partire dal modo di alimentarsi, di scaldarsi e rinfrescarsi, di spostarsi. L’intervento conclusivo è stato invece affidato a Stefano Mancuso, scienziato di fama mondiale e direttore del laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale (LINV – International Laboratory of Plant Neurobiology) il quale ha lanciato la sua sfida: "Ognuno può cambiare qualcosa piantando un albero". Se piantassimo mille miliardi di alberi riusciremmo a invertire il cambiamento climatico - ha spiegato -  e se questo non accadrà, in mezzo secolo ci troveremo con quattro gradi di temperatura in più, e questo vuol dire che Firenze avrà la stessa temperatura di Tripoli e Catania il clima del Sahel". I protagonisti del Meeting sono stati proprio gli studenti che continuano a contribuire ad accendere i riflettori sul tema invitando istituzioni e mondo della politica a fare qualcosa e che anche in questa occasione hanno partecipato all’ evento con scenografie, magliette e manifesti come quello del nostro Istituto, realizzato da Marco Riglione (3H) dove a caratteri cubitali si legge " Non c'è tempo da perdere" e che raffigura ragazzi e ragazze che corrono sbandierando gli obiettivi dell'Agenda 2030, obiettivi che tutti noi dobbiamo impegnarci a raggiungere adottando una vita sostenibile.

Gli studenti dell'Istituto Cellini al Teatro Puccini di Firenze.

Le classi 2AT, 3TE/TI, 4TE1beatles/TI  dell'Istituto Cellini di Firenze, accompagnate dai docenti: Bonari, Ferraro, Gori, Rufini, Sannino, Sarocchi, Tobia e Valente, si sono recate al Teatro Puccini per assistere allo spettacolo in lingua originale "Yellow submarine" che narra l'origine e le tappe principali del successo del gruppo inglese The Beatles.“The Beatles: Yellow submarine tour” è uno spettacolo celebrativo della band dei “The Fab Four” di Liverpool. Si racconta la storia di un gruppo nato nel 1957 durante una festa parrocchiale e diventato poi un mito tra gli anni ’60 e ’70, tanto da essere considerato un fenomeno di comunicazione di massa di proporzioni globali e l’emblema della musica contemporanea. A distanza di vari decenni dal loro scioglimento ufficiale i Beatles contano ancora un enorme seguito.  Gli anni di maggior successo furono dal 1963 al 1967 con importanti tournée internazionali. In quegli anni i Beatles si fecero notare sia per la loro musica  sia per il loro look originale e avanguardista, che influenzò la moda di quell’epoca.Le canzoni più famose di tutti i tempi fanno da colonna sonora a uno  spaccato degli anni ’60 attraverso la vita dei più famosi artisti di quel tempo, i “Beatles”, che hanno fatto e fanno impazzire ancora oggi migliaia di adolescenti.

All'Istituto Cellini di Firenze cerimonia di inaugurazione di un nuovo Laboratorio di Meccanica intitolato a Mauro Pelatti

pelatti1 In data 16 dicembre 2019, nel plesso B dell’Istituto Benvenuto Cellini di Firenze si è tenuta la cerimonia di inaugurazione di un nuovo Laboratorio di Meccanica intitolato a Mauro Pelatti, un ex studente della nostra scuola oggi in pensione, il quale ha deciso di donare al nostro Istituto degli importanti macchinari provenienti dalla sua azienda. Un segno di riconoscenza nei confronti della scuola frequentata quando era ancora adolescente e alla quale ha detto di sentirsi debitore per quanto ha imparato e realizzato nel corso del tempo, in particolare in relazione al disegno tecnico e alla meccanica. All'evento erano presenti, oltre al Sig. Pelatti e i suoi ex soci, il provveditore dott. Roberto Curtolo, il preside prof. Gianni Camici, il vicepreside prof. Antonio Corrado e numerosi docenti e studenti, compresi alcuni redattori del giornale scolastico che hanno potuto rivolgergli domande sulle sue passate esperienze lavorative e di vita al fine di realizzare un articolo che sarà possibile leggere nel prossimo numero del Celtor.

L'Istituto Cellini di Firenze forma le professionalità più richieste dal mondo del lavoro.

previsionijpgDa molti anni il lavoro di formazione tecnica e professionale che si svolge all'Istituto Tecnico e Professionale Cellini Tornabuoni di Firenze permette ai nostri diplomati l'ingresso nel mondo del lavoro. La storicità dei nostri indirizzi di Telecomunicazioni per la costruzione e manutenzione di reti internet ed  Elettronica per l'automazione e la robotica da un lato e di Moda, Meccatronica, Elettrotecnica e Impianti elettrici  e Grafica dall'altro,  permette ai ragazzi che si iscrivono e conseguono un diploma, di ottenere oggi risultati anche maggiori che in passato, date le mutate prospettive del mercato del lavoro. Sono infatti 1,6 milioni i contratti destinati ai diplomati nei prossimi anni. Lo ha rilevato Unioncamere nell’approfondimento tematico del Sistema informativo Excelsior, realizzato in collaborazione con ANPAL. Tra i diplomi più richiesti dalle imprese spiccano quelli a indirizzo amministrativo, finanziario e marketing, seguiti dall’indirizzo meccanico e meccatronico, dal settore turistico ed enogastronomico, dall’elettronica ed elettrotecnica e dall’informatica e telecomunicazioni. Tra le professioni di sbocco per i diplomati, il 51,8% dei disegnatori industriali è difficile da reperire; difficoltà anche superiori si registrano per i tecnici elettronici (57,7%) e per gli elettrotecnici (71,5%).

L’istituto CELLINI presente a Job&Orienta con la Rete TAM

tamLa  Rete TAM (Tessile, Abbigliamento e Moda), progetto di formazione promosso da SMI-Sistema Moda Italia e  costitutita presso il MIUR il 24 gennaio 2019,  raggruppa  50 scuole tecniche-professionali che hanno aderito alla piattaforma creata per mettere in collegamento formazione e imprese e rispondere alle nuove esigenze formative dell’industria 4.0. L'Istituto Cellini di Firenze è stato presente con il dirigente ed una delegazione di studenti a  JOB&Orienta 2019, la più importante manifestazione italiana dedicata a scuola, orientamento, formazione e lavoro che si è tenuta a Verona il 28-30 novembre 2019 presso la  Fiera di Verona. Gli istituti tecnici e professionali dell’area moda si trovano ad affrontare oggi, tra le altre, due sfide: attirare l’attenzione e l’interesse degli studenti e delle famiglie in uscita dal primo ciclo di istruzione, così da avere un numero di iscritti soddisfacente rispetto alle richieste di lavoro previste per i prossimi anni (50.000 circa, secondo le previsioni più verosimili, nel prossimo quinquennio), e mantenere vivo l’entusiasmo degli studenti che frequentano questi indirizzi, a fronte dell’immagine spesso diffusa dai media di un settore produttivo in crisi, di cui ragazzi e famiglie ignorano in realtà la ricchezza di profili, prospettive aperte, possibilità di impiego.

Le classi VTI e VTE  dell'Istituto Cellini di Firenze in visita didattica presso l'azienda SEBIA ITALIA

sebia

Mercoledì 4 Dicembre, gli studenti delle classi VTI e VTE  dell'Istituto Cellini di Firenze hanno compiuto una visita didattica presso l'azienda SEBIA ITALIA. Gli alunni effettuano un percorso formativo-informativo partecipando al progetto Food4minds, l'iniziativa di Manageritalia volta a migliorare la sinergia scuola/mondo del lavoro per aiutare gli studenti a sviluppare le competenze più vicine a quelle che mercato e aziende chiedono oggi e domani.  

Sebia è leader mondiale nella separazione delle proteine ​​grazie all'ausilio di strumenti innovativi (l'elettroforesi su gel d'agarosio, una tecnologia solida ed  efficace per la separazione delle proteine), soluzioni studiate per soddisfare le esigenze di laboratori diagnostici che operano in diversi settori (oncologia, diabete, disordini emoglobinici... ). Una rete capillare, presente nel nostro paese e in molti altri, garantisce la specifica assistenza alle aziende sanitarie che si occupano di diagnostica.

I rappresentanti  degli studenti delle classi IV e V dell'Istituto Cellini di Firenze alla Fiera Toscana del Lavoro 

 

Il 5 dicembre 2giovanisi19019 alla Fortezza da Basso, Firenze, i rappresentanti  degli studenti delle classi IV e V dell'Istituto Cellini di Firenze hanno partecipato alla prima edizione della
Fiera Toscana del Lavoro - "La Regione Toscana mette l'impiego al centro" organizzata da Regione Toscana e ARTI  - Agenzia Regionale Toscana per l'Impiego.

Durante la mattinata incontri tenuti da esperti di orientamento e di selezione del personale hanno fornito agli studenti strumenti e metodi pratici per attivarsi nella ricerca del lavoro, simulazione di colloqui, tecniche di recruitment utilizzate dalle imprese, nonché conoscere le opportunità e i servizi che Regione Toscana, anche nell’ambito della rete regionale dei CPI, mette a disposizione.

Attività laboratoriali per studenti del terzo anno delle Scuole Secondarie di Primo Grado della Provincia di Firenze

Cantini191Nell’ambito delle attività di Orientamento e in particolare per gli Indirizzi Informatica e Telecomunicazione ed Elettronica – Robotica e Automazione, l’Istituto Cellini di Firenze propone per gli studenti del terzo anno delle Scuole Secondarie di Primo Grado del territorio fiorentino un laboratorio di “Robotica” tenuto dalla prof.ssa Ilaria Cantini. Tale laboratorio si svolgerà presso la sede in via Masaccio 8 a Firenze nei giorni 19 novembre 2019 e 10 dicembre 2019 dalle ore 15:30 alle ore 17:00. In questi incontri gli studenti prenderanno parte ad attività laboratoriali con alunni dell’Istituto e potranno iniziare e rendersi partecipi alla progettazione robotica e stampa in 3D di progetti in corso. 
 
Per consentire l’organizzazione di questa iniziativa si richiede una prenotazione inviando una e-mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. all’attenzione della prof.ssa Cantini, specificando i nominativi degli studenti interessati e la data scelta. Sarà confermata l’adesione ricevendo risposta da parte della prof.ssa Cantini.

L'Istituto Cellini Tornabuoni di Firenze vince il Concorso AICA-USR Toscana V. edizione.

vincitoreL'Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana e I' Associazione Italiana per I' Informatica e il Calcolo Automatico (AICA), nell'ambito delle iniziative previste dal Protocollo d'intesa sottoscritto in data 30 maggio 2011 e rinnovato in data 7 gennaio 2015, hanno indetto la quinta edizione del concorso dal titolo "Progetti Digitali" per l’anno scolastico 2018/19. L'Istituto Cellini con il video "I luoghi dei Poeti italiani e stranieri a Firenze", regia della Professoressa  Valeria E. Russo, interpretato e  girato dalle le allieve  della classe 2N dell'I.I.S. Cellini  di Firenze ha vinto il  Concorso AICA-USR Toscana V. edizione. Il lavoro è stato realizzato tenendo conto delle linee guida del “Piano nazionale per l’educazione al rispetto” finalizzato alla promozione di azioni, progetti, iniziative ed eventi educativi e formativi volti ad assicurare l’acquisizione e lo sviluppo di competenze trasversali, sociali e civiche rientranti nel più ampio concetto di educazione al rispetto e di educazione alla cittadinanza attiva e globale, con l’obiettivo di arrivare a un reale superamento delle disuguaglianze e dei pregiudizi.

L'Istituto Cellini di Firenze partecipa a ORIENTA-TO giornata di orientamento organizzata dai giovani imprenditori di Confindustria Firenze e Confindustria Toscana.

I rappresentanti degli Orientatoalunni delle classi quinte dell'Istituto Cellini di Firenze apparteneti ai vari indirizzi dell'Istituto hanno partecipato all’incontro formativo-informativo organizzato dai giovani industriali.L’incontro ha  lo scopo di far conoscere agli allievi le opportunità di studio, formazione e/o specializzazione post-diploma. Un focus sulle professioni del futuro. Un impegno per agevolare i giovani studenti nella scelta della propria carriera professionale. Una "bussola" per orientarsi fra i tanti percorsi formativi che offrono straordinarie opportunità occupazionali, ma che spesso gli non conoscono o conoscono ancora troppo poco.Sono intervenuti docenti e studenti delle Università di Firenze, Siena, Pisa ed i rappresentanti delle Fondazioni ITS Toscana; i lavori sono stati coordinati dagli studenti della SSAT ( Scuola di Scienze Aziendale e Tecnologie Industriali).

News dal Corriere Fiorentino: "Se invece uno studente dopo la maturità cerca un’occupazione?"

tecnico agnellipLa Fondazione Agnelli, sul portale Eduscopio, pubblica i dati sulle scuole superiori che meglio preparano agli studi universitari o alla professione, aiutando gli studenti indecisi sulla scelta a confrontare gli istituti dell’indirizzo di studio che interessa loro. Vengono comparati i risultati degli studenti diplomati prendendo in considerazione voto alla maturità, tasso di abbandono, media dei voti agli esami universitari, crediti ottenuti, indice di occupazione, coerenza tra studi e lavoro, e percentuale di diplomati in regola.

Il Corriere Fiorentino in edicola in questi giorni, esaminando i dati della ricerca, prova a rispondere ad una domanda in relazione all'area fiorentina: "Se  uno studente dopo la maturità cerca un’occupazione?"

Tra gli istituti tecnologici la performance migliore è del Cellini Tornabuni (76%), che supera il Meucci (74%). I ragazzi del Meucci però firmano il loro primo contratto dopo soli 168 giorni di attesa: meno di tutti. Tra i professionali la scelta vincente si conferma l’alberghiero con il Saffi (73%) e il Buontalenti (66%), nel settore industria e artigianato il Da Vinci (66%) e il Cellini Tornabuoni (59%). Gli studenti del Saffi sono quelli che trovano più facilmente (il 67,11%) una qualifica professionale in linea con il titolo di studio conseguito. ( Link alla tabella dei risultati )

Nuovo riconoscimento per il numero 13 del nostro giornale scolastico, “Celtor, la rivista degli studenti per gli studenti”.

Celtor 2019 Piancastagnaio

Una delegazione della redazione Celtor – 17 studenti accompagnati dalle prof.sse Manuela Belardini e Alessandra Pelli   - ha  partecipato a Piancastagnaio (Siena) alla cerimonia di premiazione della XXI edizione del  Concorso Nazionale di Giornalismo Scolastico  PENNE SCONOSCIUTE, manifestazione promossa da Emeroteca, Pro Loco e Comune  di Piancastagnaio, con protocollo d’intesa Miur –  OSA Onlus (Operatori Scolastici Amiata).
 
Alle ragazze e ai ragazzi sono stati consegnati alcuni gadget, una pianta di castagno (che potete trovare all’ingresso del nostro Istituto), un calendario personalizzato illustrato da Sergio Staino e un attestato che riporta la seguente motivazione: ” La rivista proposta si presenta traboccante di colori, ricca di immagini e illustrazioni spesso presentate in maniera divertente e bizzarra.Gli aggettivi che connotano la rivista sono senza dubbio stravagante, eccentrica, ma soprattutto divertente. La scelta delle tematiche attuali e attente alle richieste degli studenti si presenta con un’impaginazione e organizzazione degli argomenti, curate e attente alle possibili esigenze informative di tutto il contesto ambientale vissuto dai giovani giornalisti. Spesso sarcastico riesce ad attirare i “sensi” e più in generale le aspettative del lettore, come non citare il burgeroscopo, una rubrica ricca di uno spiccato humor irriverente. Celtor che, ben oltre le prerogative del titolo, rivela apertura e disponibilità a percorsi informativi e formativi di sicura efficacia, risulta essere quello che promette: La rivista degli studenti per gli studenti”.

L'Istituto Cellini partecipa a Jobbando 2019

JOBBAL’appuntamento con Jobbando si rivolge sia ai giovani alla ricerca di una prima occupazione sia a chi vuole migliore e sviluppare il proprio percorso professionale.

Per questo anche quest'anno l'Istituto Cellini di Firenze è voluto esse presente con un gruppo di alunni. La novità 2019 è la partnership tra Jobbando e InfoJobs, la prima piattaforma di recruiting online in Italia che è anche lo sponsor principale della manifestazione, con la possibilità di candidarsi sul web alle 250 posizioni aperte.Tema dell’edizione 2019 di Jobbando è la diversità, intesa come opportunità nel mondo del lavoro. “Abbiamo pensato di trasformare l’iniziativa in un laboratorio dedicato all’inclusione lavorativa convinti che sia leva di competitività – spiega Lapo Tasselli, presidente dell’associazione Jobbando – dedicheremo a questo tema il convegno istituzionale della manifestazione, in programma giovedì 24 ottobre”.

Istituto Cellini ha partecipato al cinema Portico all’evento live “ Principi Attivi Contro la Guerra”

Anche quattiviest’anno, il nostro Istituto ha partecipato al cinema Portico a ll’evento live di Emergency,  “ Principi Attivi Contro la Guerra”, una metafora “farmaceutica” dei principi su cui si fonda la società civile  e vanno continuamente affermati ed estesi a tutti i membri che ne fanno parte. L’iniziativa, giunta alla sua quarta edizione in collaborazione con Unisona, è stata trasmessa  in diretta satellitare in 100 sale cinematografiche su tutto il territorio italiano e ha coinvolto   24mila studenti di 268 scuole superiori italiane, chiamati ad interagire inviando in diretta domande  e riflessioni via Instagram.   
Obiettivo della mattinata, alla quale hanno partecipato le classi 5 A, 5B, 5G, 5H e 5TI/5TE: coinvolgere i giovani in una riflessione più ampia su conflitti e migrazioni attraverso l’enunciazione di cinque principi attivi: conoscere la guerra, affermare l’uguaglianza, informarsi, coltivare la memoria e la bellezza. Le interviste in diretta da Casa Emergency sono state affidate alla conduttrice televisiva Camila Raznovich.  Ha parlato di “coltivare la memoria” la dottoressa Cristina Cattaneo, da anni impegnata nell’identificazione dei migranti morti nel Mediterraneo; è intervenuta su “conoscere la guerra”, la presidentessa di Emergency, Rossella Miccio,  ricordando quali sono i conflitti in atto nel mondo; Omaid Sharifi, street – artist e fondatore del collettivo ArtLords di Kabul ha invece ribadito l’importanza di  “costruire bellezza”,  mostrando immagini dei graffiti realizzati nella sua città in guerra;  “affermare l’uguaglianza” è stato  l’argomento del quale ha sottolineato  l’importanza Gino Strada, alla luce delle oltre 10 milioni di persone alle quali in 25 anni l’organizzazione da lui fondata ha fornito cure gratuite e di qualità; “informarsi”  è quello che, dati alla mano, ha in ultimo raccontato Matteo Villa, responsabile del programma Migrazioni dell’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale.

La scuola di Lucrezia Tornabuoni

lucrezia
Venerdì 11 ottobre, presso la Fortezza da Basso,in occasione della terza edizione di
Didacta, il più importante appuntamento fieristico dedicato al mondo della scuola, è stato
presentato il progetto" La scuola di Lucrezia" che riassume le fasi più importanti della storia
dell'Istituto Tornabuoni. 
Tale lavoro ha ottenuto il riconoscimento della Regione Toscana che, con l'iniziativa "La
Toscana fa scuola", ha premiato le eccellenze di Istituti di ogni ordine e grado del nostro
territorio. 
Alla cerimonia di premiazione hanno partecipato gli alunni della classe 5G, Matteo Castellari
e Aurora Romeo, accompagnati dalle insegnanti Manuela Belardini e Monica Meini, in
rappresentanza delle classi 4G, V H, VL, VM, che lo scorso anno hanno realizzato il
progetto. 

La robotica italiana cerca 96mila addetti

giardino3

La meccatronica nasce dalla necessità di creare saperi nell'ambito della modellistica, simulazione e prototipazione dei sistemi di controllo. I principali campi di applicazione sono la robotica, l'automazione industriale, la biomeccatronica, l'avionica, i sistemi meccanici automatici degli autoveicoli. Questo Istituto ha attivo un corso di elettronica robotica ed automazione e un corso di meccanica per le produzioni industriali ed artigianali per il made in italy.  In più l'Istituto Cellini di Firenze organizza per i suoi studenti un laboratorio di robotica ed automazione pomeridiano, per un monte ore paria a tre ore  settimanali per anno scolastico, incentrato su attività pratiche e sperimentali per stimolare e liberare le abilità di autoapprendimento. La meccatronica è oggi il comparto manifatturiero centrale per il passaggio alle nuove modalità produttive spinte da Industria 4.0. Le grandi imprese lo sanno bene ma anche le pmi sono  impegnate nella ricerca di un maggior numero di figure professionali legate proprio alla trasformazione in atto della catena produttiva. Da qui al 2023 Unioncamere stima un fabbisogno occupazionale delle aziende della filiera «meccatronica-robotica» che oscilla tra le 83mila e le 96mila unità ...